comune di dervio

Home  |  Municipio  |  Cultura  |  Festival Internazionale  |  Visita a Dervio  |  La nostra storia  |  Collegamenti

Municipio

Orari e telefoni

Amministrazione

Anagrafe

Tributi

Ufficio tecnico

Servizi sociali

Vigilanza urbana

Volontariato

Ecologia

Statuto Comunale

Bilancio

Municipio / Servizi sociali /

Lo studio della Consulta Comunale
sulle strutture per anziani

Lo studio della Consulta Comunale sulle strutture per anziani

Per approfondire in modo concreto e corretto la questione legata all'eventuale realizzazione di una struttura per la terza età, il Consiglio Comunale ha costituito una consulta, composta da Fulvio Balbiani, Marcella Danieli, Angela Lafranconi, Clotilde Manzoni e Silvana Seghezzi, in rappresentanza di tutti i gruppi consiliari, allo scopo di elaborare uno studio in materia. Il lavoro della consulta si è sviluppato attraverso numerosi incontri con esperti del settore e sopralluoghi in alcune strutture della zona, al fine di avere una maggiore conoscenza dei servizi sanitari e assistenziali per la terza età. Si è partiti da un'analisi demografica della popolazione derviese, che comprende attualmente 188 persone sopra gli 80 anni, quasi il 7% della popolazione, e presenta un indice di vecchiaia superiore alla media territoriale. Sono state analizzate le strutture presenti sul territorio e i servizi domiciliari offerti dal Comune e dall'ASL, oltre alla presenza del centro diurno “La sosta”. E' stata poi effettuata un'analisi delle caratteristiche delle varie tipologie di strutture esistenti, che ha dato i seguenti risultati:
• la RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale, che popolarmente viene chiamata “casa di riposo”) prevede assistenza sanitaria specializzata 24 ore al giorno con diverse figure professionali. Per questo motivo, per garantirsi una stabilità economica che ne permetta la sopravvivenza, una RSA di nuova costruzione dovrebbe quindi disporre di almeno 60-80 posti letto, con un costo di realizzazione compreso tra i 6 e i 10 milioni di euro, ed un costo annuo di gestione tra i 4 e i 5 milioni di euro. La criticità di questa soluzione è quella di una difficile sostenibilità dal punto di vista economico, anche perché la Regione Lombardia considera già saturato il numero di posti letto (e quindi i relativi contributi) previsti per questo tipo di strutture
• il CDI (Centro Diurno Integrato) si colloca ad un livello intermedio tra i servizi di assistenza domiciliare e le strutture di tipo residenziale come la RSA, e si rivolge ad anziani che vivono in casa, anche non autosufficienti, soli o in un contesto familiare fragile. Un CDI garantisce un'assistenza solo diurna, con flessibilità di orari e giorni di accesso da parte dell'utente, ma può dotarsi anche di qualche camera per assistenza notturna limitata a periodi di breve durata. Anche il CDI deve garantire alcuni servizi erogati da operatori specializzati, ma i costi di realizzazione e di gestione risultano comprensibilmente inferiori rispetto ad una RSA
• gli alloggi protetti per anziani sono una struttura costituita da più unità abitative indipendenti, date in locazione ad anziani in situazione di fragilità sociale e gestite unitariamente da un operatore che offre un ambiente controllato e protetto, ma con una presenza più limitata di personale specializzato rispetto ad altri tipi di strutture. Sarebbe perciò importante ottimizzare questo tipo di offerta con gli altri servizi che si occupano di anziani (servizi sociali comunali, RSA, CDI, ASL) mettendo in comune alcuni servizi con una gestione sinergica delle risorse pubbliche e private del territorio.
In base all'analisi di queste tipologie e della situazione attuale del settore, la consulta tende ad escludere la possibilità che si possa realizzare a Dervio una RSA/Casa di Riposo, mentre diversi fattori renderebbero più verosimile la possibilità di puntare su un Centro Diurno Integrato. L'Amministrazione Comunale ringrazia la consulta per l'ottimo lavoro sviluppato, che costituisce una concreta base di partenza per continuare sul percorso di conoscenza intrapreso. Verranno pertanto avviate delle iniziative anche pubbliche con l'obiettivo di sondare l'interesse della popolazione verso le proposte emerse da questo studio, ed ulteriori incontri con i professionisti già interpellati, per verificare come queste proposte possano eventualmente concretizzarsi sul nostro territorio. Verrà quindi approfondita la possibilità di realizzare una struttura adeguata, nonostante la particolare situazione economica in cui ci troviamo, con serietà e senza creare aspettative fuori luogo, per il rispetto che dobbiamo ai nostri anziani e che vede già da diversi anni l'Amministrazione Comunale particolarmente attiva ed attenta ai bisogni delle persone che rientrano nella cosiddetta terza età, o che comunque vivono in condizioni di particolare disagio. Tale sostegno si traduce in pratica con i numerosi interventi di assistenza domiciliare gestiti dai Servizi Sociali, una voce sicuramente importante del bilancio comunale anche rispetto a quanto avviene in altri Comuni. Anche questi interventi di fatto consentono alla persona anziana o in difficoltà di poter continuare a vivere nel proprio paese e nella propria abitazione, supportata da personale specializzato.

 


Comune di Dervio - p.zza IV novembre - 23824 Dervio (LC)
Tel. 0341 806411 - Fax 0341 806444 - email info@comune.dervio.lc.it
Sito ottimizzato per Internet Explorer 5.x o successivi.


Inizio pagina