Quaderni Derviesi

Cerca

HomeDocumentiDerviesiTerritorioVarieAbbonamentiIniziativeCuratoreLicenza

 

Serata di sabato
23 febbraio 2002

Quaderni Derviesi / Iniziative /

n. 3 - Marzo 2002

Il fascino discreto dei briganti e dei violenti

Dervio - Gran pienone per la presentazione dell'ultimo libro di Natale Perego "Homini de mala vita. Criminalità e giustizia a Lecco e in terra di Brianza tra Cinque e Seicento" (edito nel 2001 da Cattaneo) abbinato a quella del terzo numero dei "Quaderni derviesi". La serata, organizzata dalla Consulta comunale e dall'Assessorato alla cultura, ha sorpreso e affascinato nel viaggio tra storie di briganti e imprese di malavita raccolte nel saggio.

Il tema è sempre di attualità: crimini e violenza quotidiana, di cui tanto ci si lamenta oggi, erano molto diffusi in tutti i ceti sociali tra il '500 e il '600 lecchese.Il professore brianzolo, che è docente al Liceo Scientifico di Lecco, si occupa di storia sociale e di carattere etnografico e con il libro ha vinto il Premio internazionale di Studi etnoantropologici Pitré-Salomone Marino. Non c'erano solo i bravi di manzoniana memoria, c'erano anche nobili senza scrupoli, servi, religiosi, contadini, oziosi e vagabondi autori di risse, furti, contrabbando, violenze carnali all'ordine del giorno come criminalità di ogni tipo. E la giustizia era altrettanto crudele.

Al termine dell'incontro gli abbonati hanno ricevuto il fascicolo dei "Quaderni Derviesi" curati da Michele Casanova, periodico al quale sono abbonate quasi duecento famiglie di Dervio e fuori paese. Il numero riporta l'elenco di tutti gli uomini dai 14 ai 70 anni, al tempo del Catasto Teresiano del '700, con le unità di misura e peso in uso fino a 200 anni fa.

da La Provincia di Lecco, 26 febbraio 2002


Le serate
Per l'uscita di ogni numero dei Quaderni Derviesi si svolge una serata legata alla storia locale.
Calendario serate


Sezione di dervio.org

Copyright (c) 2001-2003 Michele Casanova
E' garantito il permesso di copiare, distribuire e/o modificare il contenuto di queste pagine, seguendo i termini della Licenza per Documentazione Libera GNU, Versione 1.1 o ogni versione successiva pubblicata dalla Free Software Foundation.



Inizio pagina